Come diventare amici dei gatti

Come diventare amici dei gatti

In prossimità della festa nazionale dei gatti, il 17 Febbrario, cerchiamo di capire questi animali fantastici, dove la maggior parte delle persone li ha in casa. Li adottiamo, per sentirci meno soli con la loro compagnia, o regaliamo ai nostri bambini e li accogliamo in casa e nella nostra vita, facendoli diventare parte integrante della nostra famiglia, perché ormai fanno parte dei nostri affetti più cari, ma facciamo tutto questo dimenticandoci realmente delle loro esigenze.

I gatti, non sono solo animali domestici come altri, essi sono molto di più e infatti secondo alcune ricerche scientifiche essi sono responsabili nei bambini affetti da sindrome di autismo, un miglioramento delle capacità di interazione sociale e di empatia nei bambini e in una considerevole riduzione dell’ansia da abbandono e dell’iperattività. Svolgono un ruolo di fondamentale importanza, per questi bambini, rappresentano il loro contatto col mondo.

I gatti, da sempre considerati in modo errato animali solitari, sono invece un’ottima compagnia, per bambini ed adulti. Il loro carattere, può variare da razza a razza, più coccolone, più silenzioso, più spiritoso.

Facendo entrare i gatti nella nostra vita, non vuol dire che essi ci considerano amici. Molte volte infatti, pensando di dare loro un rifiglio, latte e cibo e qualche coccola, faccia in modo che essi si fidano di noi, in realtà non è così. Per fare in modo che essi ci considerano amici, come noi consideriamo loro, dobbiamo fare in modo che con le nostre azioni seppur semplici, consideriamo le loro esigenze anche quelle più intime e non pensare erroneamente che una volta adottati essi siano nostri amici. Come in un’amicizia tra due persone, vengano rispettate esigenze e tempi, così dovrebbe accadere anche tra una persona e un gatto, ma molte volte, ci dimentichiamo di loro, pensando solo a soddisfare solo le nostre esigenze. Anche quando li regaliamo, o li adottiamo, lo facciamo per noi stessi e per i desideri di altri, trascurando quelli dei nostri amici felini.

L’amicizia con i gatti, parte da un’ottima convivenza che come tutte le altre deve rispettare delle regole, che non solo regole per un’ottima convivenza tra noi e loro, ma sono regole che ogni persona dovrebbe seguire, se vuole realmente diventare amici dei gatti, e non semplicemente averne uno in casa, perché ricordiamo che essi non sono solo animali, ma sono e possono essere molto di più. Hanno un carattere, un loro istinto, delle loro esigenze non solo fisiche. A tal proposito, falsa è l’idea che i gatti si curano da soli o che cadono sempre in piedi. Essi devono essere curati come gli altri animali, hanno bisogno di cure igieniche, dia loro occhi delicati al loro pelo pregiato. Come falso è il mito che essi siano selvatici e non di compagnia, essi sono coccoloni e lo dimostrano con un dolce miagolio o con le loro fusa che altro non sono gesti affettuosi verso di noi.

Vediamo quali sono delle regole, per rispettare la loro vita e fare in modo che essi ci considerano amici:

  • veduta con finestre: essi amano guardare fuori dalla finestra, e per questo per farli felici basta creare un punto di osservazione;
  • nascondere le prese elettriche: essi sono curiosi come i bambini, quindi è opportuno fare attenzione ai fili elettrici e renderli il meno raggiungibili possibile;
  • creare un loro punto in alto: i gatti amano arrampicarsi e guardare dall'alto, per questo è consigliabile comprare uno scaffale dove loro possono salire;
  • nascondiglio: essi amano rifugiarsi e nascondersi, per osservatrici di nascosto, basta procurargli un semplice cartone con un foro di entrata;
  • giochi: essi non sono solitari ma molto giocherelloni, e per questo devono avere non solo giochi tra cui palline ma anche uno spazio a disposizione dove potersi divertire. Meglio procurare loro, giochi di materiale lavabile così da igienizzarlo ogni qual volta;
  • evitare i coloro forti alle pareti: i gatti hanno una vista molto sensibile, quindi se li amiamo cerchiamo di non esporli a luce troppo invasiva e limitiamoci a tinteggiare la nostra casa con coloro tenui;
  • meglio non avere le piante in casa: essi amano farci i bisogni dentro;
  • creare un loro habitat: un loro spazio preferito, per mangiare o riposare.

Seguendo queste semplici regole, e preparando il nostro ambiente al suo arrivo in casa, il nostro amico gatto, ci considererà parte integrante della sua vita e avremo così instaurato un rapporto amichevole reciproco.

Molto spesso, però anche se li accogliamo nella nostra casa, essi stanno tutto il giorno da soli, perché noi assenti per il lavoro. Quando succede questo, o magari dobbiamo partire per qualche giorno, e non vogliamo che il nostro amico soffra per la nostra assenza, possiamo decidere nel caso di un viaggio lungo affidarlo alle cure di una persona che se ne prenda cura, evitandogli così lo stress da separazione, o nel caso in cui lo lasciamo ogni giorno per lavoro, è importante in questo caso, donargli dei giochi per non sentirsi solo, e soprattutto fare in modo che abbia sempre acqua e cibo in modo soddisfacente per tutta la durata della nostra assenza.

Non dimentichiamoci mai di prendercene cura, ogni giorno, con prodotti pensati appositamente per il suo benessere e la sua crescita fisica, a tal proposito sul nostro sito, ci sono tanti prodotti tutti di ottima qualità per curare il loro igiene e anche per soddisfare le altre loro richieste. In questo modo, solo considerandolo a tutti gli effetti un membro della nostra famiglia, un nostro caro affetto, il gatto ci considererà a tutti gli effetti un suo caro amico, e a tal punto potremmo dire di aver instaurato una vera e proprio amicizia con il nostro adorato gatto e non solo una semplice convivenza.

Condividi